Grecia, ora la strada è in salita. Eurogruppo, ‘Proposte insufficienti’.

L’incontro tra Tsipras, Juncker, Lagarde e Draghi non sblocca trattativa. Atene: ‘Accettato nostro piano come base’. Presidente Eurogruppo Dijsselbloem: “Progressi insufficienti”. Schauble, “Da Tsipras una marcia indietro”. Borse nervose.

Eurogroup Finance ministers meeting © EPA

Il primo incontro fra il premier greco Alexis Tsipras, Jean Claude Juncker, Mario Draghi e Christine Lagarde, non ha dato l’esito sperato e ora la strada per un accordo sembra in salita. Dopo il nulla di fatto di ieri, i negoziati per evitare il fallimento della Grecia sono ripresi oggi. Ma il primo round negoziale tra la Grecia e i creditori a Bruxelles non ha portato ad una intesa. E ora le parti paiono più lontane.

Dijsselbloem, progressi insufficienti – “Non ci sono ancora abbastanza progressi”, ha detto il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, entrando alla riunione dei ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Eurozona. Il presidente ha aggiunto che la proposta della Troika sarà sul tavolo in discussione.

Grecia: Schauble, da Atene marcia indietro – Il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schauble afferma che la Grecia si “è mossa all’indietro” e che “‘c’è sempre speranza ma non abbiamo fatto molti progressi”. “Non siamo molto ottimisti” afferma prima dell’Eurogruppo secondo quanto riporta la Bloomberg.

Papademos, c’è rischio contagio altri Paesi – “Credo che un certo contagio non si possa escludere, anche se non così alto come nel 2012”, ha commentato l’ex premier greco e vicepresidente della Bce Lucas Papademos, aggiungendo che le conseguenze del contagio si vedrebbero in un orizzonte di tempo più ampio. La Grecia, per farcela, ha bisogno di “realizzare le riforme, consolidare il bilancio e ottenere un alleggerimento del debito, che comunque non sarebbe sufficiente da solo”, ha aggiunto l’ex premier

L’Eurogruppo – che riunisce i ministri dell’Economia e delle Finanze della zona euro – tornerà a riunirsi alle 13, ma prima di allora doveva arrivare uno ‘staff level agreement’, ovvero i tecnici di Tsipras e dei creditori dovranno raggiungere un’intesa di massima. Il dossier greco passerà poi al vertice europeo, convocato alle 16, dove siederanno i capi di Stato e di governo dell’Ue. Sui colloqui pesa però il nuovo scambio di accuse fra i negoziatori.

E in partciolare l’attacco del premier greco, Alexis Tsipras, al Fondo Monetario Internazionale – che insieme alla Commissione europea e alla Banca Centrale europea siedono al tavolo delle trattative – di non voler accettare l’ultimo pacchetto di riforme presentato da Atene. “La ripetuta bocciatura di misure equivalenti (per la riduzione delle spese, ndr) non è mai accaduta prima, né in Irlanda né in Portogallo”, ha scritto Tsipras su Twitter. Per parte sua, l’istituzione guidata da Lagarde ritiene che il pacchetto proposto da Atene sia ancora insufficiente, in particolare sul fronte del taglio della spesa pubblica.

Visco, Paesi creditori hanno altrettante colpe debitori – Senza citarla espressamente, sul tema è intervenuto anche Ignazio isco: “E’ evidente che un Paese con un modello orientato all’export, con una posizione creditoria molto elevata, ha almeno altrettante colpe di un Paese che accumula tanti debiti”, ha detto il governatore di Bankitalia.

Borsa: Europa gira in rialzo, Atene +0,7% – Nonostante lo stallo i mercati sembrano più possibilisti sull’ipotesi di un’intesa. Dopo un avvio cauto, infatti, c’è stata un’inversione di tendenza con i listini delle Borse europee che ora si muovono in rialzo. La volatilità è comunque alta in attesa dei negoziati. “Siamo ostaggi di questa situazione”, commentano gli operatori. Atene guadagna lo 0,72%, Londra piatta (+0,03%), Francoforte lo 0,5%, Milano lo 0,86 per cento.

Fonte:  ANSA

Lascia un commento