Blog @it

AGREQ – come investire in Bulgaria con successo

Fondata nel 1970 da due fratelli di Guastameroli (CH), l’azienda GNAGNARELLA inizia un percorso di affermazione sul mercato dei rimorchi per agricoltura che li porta in pochi decenni ad essere tra i leader italiani del settore.

Trattandosi tuttavia di un tipo di produzione a basso contenuto tecnologico che risente della concorrenza dei piccoli artigiani italiani in primis, e degli arrembanti costruttori del Far East e dei Paesi dell’Est Europa, dopo il 2010 la società italiana comincia ad accusare la recessione ed arriva quasi al default, avendo perso drasticamente la propria competitività sui mercati europei.

Si rendeva d’obbligo quindi la decisione di cominciare ad esplorare i Paesi con costi inferiori di manodopera ed energia per riconquistare le fette di mercato perdute, e la Bulgaria si afferma come migliore soluzione al problema.

È così che nel 2015 i fratelli Giustino e Piero Gnagnarella, eredi dell’attività paterna, decidono di dividersi i compiti aziendali per cui il maggiore rimane in sede in Italia a ricoprire le funzioni commerciali e amministrative, mentre Piero, ingegnere meccanico, si trasferisce in Bulgaria ad avviare la produzione dopo aver vagliato con attenzione quali fossero nell’area i siti più vantaggiosi rispetto a costi, distanza, produttività, opportunità, disponibilità e specializzazione della manodopera.

Ha inizio il primo periodo del nuovo capitolo aziendale con la nascita di AGREQ eood, che acquisisce inizialmente solo il trasferimento di una parte della produzione, e cioè la realizzazione della carpenteria metallica, attività sicuramente più facile da organizzare, lasciando ancora presso la sede italiana l’assemblaggio, la rifinitura, la verniciatura e il controllo qualità, che richiedono un’esperienza e un’accuratezza che non si era ancora certi di avere in Bulgaria.

Questa fase dura circa 3 anni, necessari per formare il personale all’acquisizione di tutto il ciclo produttivo in Bulgaria, aggiungendo anno dopo anno un nuovo step: dapprima la verniciatura, poi la rifinitura, fino ad aggiungere anche il controllo qualità. A questo punto l’azienda bulgara si è resa assolutamente autonoma dalla casa madre, riuscendo a spedire il prodotto finito direttamente al cliente finale europeo.

In Italia viene mantenuta a tutt’oggi l’attività di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, la proprietà del marchio consolidato, nonché la gestione commerciale e di marketing.

La correttezza della pianificazione imprenditoriale di AGREQ è dimostrata anche dalla scelta di graduare le proprie dimensioni, affittando dapprima un capannone di 2.000 mq, affiancato dopo qualche anno con uno di 4.000mq sempre in affitto, che è stato poi acquistato una volta consolidata l’attività.

Prendiamo questo caso come modello virtuoso da seguire nel processo di delocalizzazione intelligente, che esclude in modo assoluto lo smantellamento integrale della struttura italiana, ma che vede invece il mero trasferimento della parte non competitiva, trattenendo in Italia la parte più tipica e consona alle nostre abilità legate alla creatività, all’ingegno, al design, nonché alla capacità commerciale.

Leggi un’altra storia di successo nel nostro blog: Investire nel settore tessile e dell’abbigliamento in Bulgaria.

La Camera di Commercio Italiana in Bulgaria

Uno dei principi alla base dell’attività di Alias Group si basa sull’importanza delle sinergie, della creazione di network d’imprese che possano trarre reciproca utilità nello scambio di esperienze, di professionalità attestate, di idee costruttive. Nella pratica imprenditoriale questo trova la sua realizzazione nell’associazionismo in gruppi d’imprese in quanto le problematiche che gli imprenditori incontrano lungo il loro percorso sono spesso condivise e comuni, alcune già esperite dai colleghi, altre più facilmente risolvibili se affrontate in cordata.

In Bulgaria alle imprese con attività connesse all’Italia si offrono 2 opportunità fra loro complementari e ugualmente impegnate nella tutela e lo sviluppo dei loro interessi aziendali: la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria e Confindustria Bulgaria, attivi partner del cosiddetto Sistema Paese Italia, che organizzati dall’Ambasciata insieme a ICE e Istituto Italiano di Cultura, monitorano, sostengono, promuovono e tutelano il lavoro delle nostre aziende e i rapporti con le istituzioni locali.

La Camera di Commercio Italiana in Bulgaria (CCIB) è da più di quindici anni a fianco delle imprese, sostenendole con successo nei loro processi di internazionalizzazione. Organizza iniziative volte ad agevolare l’accesso delle imprese italiane al mercato bulgaro, promuove contatti per la conclusione di affari e svolge un’intensa azione d’informazione e comunicazione, mediante un costante monitoraggio delle tendenze settoriali.

La CCIB è registrata presso il Tribunale di Sofia e riconosciuta dal Governo italiano con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della legge n. 518/70 (Riordinamento delle Camere di Commercio Italiane all’Estero).

Le principali attività della CCIB sono:

Fiere ed eventi (Azioni di direct marketing per l’acquisizione di visitatori e/o espositori;

Organizzazione di delegazioni buyers, workshop di presentazione, conferenze stampa, delegazioni giornalisti, ecc.)

Ricerca Partner commerciali (ricerca di partner commerciali per operatori italiani e bulgari, interessati a penetrare il mercato per la prima volta o ad accrescere la loro quota di mercato nei due Paesi.)

Assistenza e Consulenza specializzata (servizi di assistenza e consulenza specializzata, prestati in collaborazione con professionisti italiani e bulgari, quali traduzione e interpretariato, visura camerale, assistenza amministrativa, fiscale e tributaria, assistenza specializzata per sviluppo strategie ingresso (indagini mirate di sub-settore, di prodotto), costituzione di strumenti di insediamento (uffici di rappresentanza, project office, branch office e sussidiarie di proprietà), domiciliazione (fiscale e/o postale) e virtual office.

Assistenza per partecipazione a programmi comunitari o di organismi internazionali: informazione e monitoraggio sulle politiche e le opportunità di finanziamento, Consulenza in progettazione, Project Management, Gare d’Appalto Europee, Seminari informativi su tematiche comunitarie.

Azioni promozionali e Direct Marketing (servizi finalizzati all’aumento dei contatti istituzionali sia in Italia che in Bulgaria le cui attività corrispondono ad azioni mirate che utilizzino una serie di strumenti, anche interattivi, ottenendo in tal modo risposte oggettive misurabili, quantificabili e qualificabili.

Incontri d’Affari B2B (rispondere alle esigenze degli imprenditori italiani e bulgari, trovando le soluzioni migliori che massimizzano il ritorno commerciale dall’incontro dei mercati dei due Paesi. Attività di ricerca di potenziali partner bulgari e italiani, organizzazione, in base ad agende d’incontri predefinite, momenti di incontro tra operatori italiani ed operatori bulgari mirati alla conclusione di accordi commerciali.

Opportunità di Business (pubblicazione di annunci destinati a stabilire rapporti commerciali tra l’imprenditoria italiana e bulgara.)

Opportunità di Lavoro (uno spazio che si propone come punto di incontro fra domanda e offerta di lavoro).

Perché investire in Bulgaria – potete leggere di più nel nostro blog.

Le Zone industriali in Bulgaria

Quando si parla degli aspetti più attraenti della Bulgaria, si menzionano sempre i vantaggi del regime fiscale, la stabilità economica e politica, il basso costo dei costi operativi, ma non si pone mai abbastanza l’accento sulla strategica posizione geografica della Bulgaria che è all’incrocio di cinque corridoi di trasporto europei che collegano l’Europa occidentale e settentrionale con la parte orientale e meridionale del continente.

La grande potenzialità rappresentata dal libero accesso al mercato unico europeo (il mercato più grande del mondo quanto a capacità di spesa), la vicinanza a nuovi mercati non ancora saturi, nonché la posizione logistica strategica del Paese nell’Europa sud-orientale risulta poi sempre un fattore rilevante e convincente nella scelta dell’investitore, perché la Bulgaria è di fatto un ponte naturale tra i mercati europei e quelli asiatici.
E all’investitore proiettato verso l’internazionalizzazione e l’espansione del proprio territorio produttivo e commerciale ad oggi la Bulgaria offre diverse aree industriali dotate di tutte le condizioni necessarie per stabilire un impianto di produzione e per avviarne e mantenerne il funzionamento con successo.

La maggior parte di queste zone sono progettate, sviluppate, gestite ed amministrate dalla Società Nazionale per le Zone Industriali e le Free Zones (http://www.industrialzones.bg/), ente dedicato interamente posseduto dallo Stato e sotto la guida del Ministero dell’Economia Bulgaro, ma ne esistono anche di private, e in entrambi i casi offrono all’investitore determinato ad installarvi la propria iniziativa imprenditoriale tutte le opportunità di cui dispone un parco industriale, sotto il profilo infrastrutturale, logistico e di network commerciale.

Qui ci soffermeremo sulla “Società Nazionale per le Zone Industriali”, che assiste gli investitori nella realizzazione dei progetti d’investimento in tutte le fasi in zone economiche dotate di infrastrutture e posizionate in aree con grande facilità di interconnessioni di trasporto, e che offrono condizioni competitive e di partenariato, nonché assoluta prevedibilità di realizzazione.
L’azienda gestisce 11 zone industriali in tutto il Paese con un’area complessiva di oltre 7,4 milioni di metri quadrati.
Sei dei progetti della Società nazionale sono già operativi e sono dislocati a Sofia, Burgas, Vidin, Ruse, Svilengrad e Varna, mentre altri cinque sono in fase di sviluppo a Kardzhali, Stara Zagora, Karlovo, Telish e Suvorovo.

Riassumendo schematicamente, questi i vantaggi offerti dalla SNZI ai propri partner:
• Posizione privilegiata delle zone industriali con eccellente connettività dei trasporti.
• Infrastruttura: trame industriali in vendita o affitto con tutte le infrastrutture necessarie (rete stradale, elettrificazione, acqua e fognatura, gassificazione, telecomunicazioni).
• Prevedibilità dell’investimento: testimoniato dal successo delle esperienze dei numerosi investitori.
• Condizioni competitive per gli investitori certificati, cui la legge sulla promozione degli investimenti offre l’opportunità di incentivi speciali da parte di InvestBulgaria, Agenzia statale che facilita i progetti d‘investimento.
• Assistenza personale e partnership durante l’intero processo di investimento: supporto e consulenza per tutte le procedure amministrative al fine di facilitare il più possibile i progetti degli investitori.

Perché investire in Bulgaria – potete leggere di più nel nostro blog.

Investire nel settore tessile e dell’abbigliamento in Bulgaria – un caso di successo

Il settore tessile e dell’abbigliamento sono da sempre particolarmente interessanti in Bulgaria perché hanno una tradizione di molti decenni. Già durante il comunismo in Bulgaria infatti la produzione tessile e soprattutto dell‘abbgliamento rappresentava un‘importante quota di mercato, con importanti scuole di modelleria e sartoria, tuttora esistenti, che consentono di trovare personale preparato e qualificato ancora oggi. Questo ha fatto sì che anche dopo la caduta del regime molte imprese italiane si rivolgessero a questo territorio, per poter godere di costi paragonabili ai costi di produzione cinese (costo del prodotto arrivato a casa, s‘intende) e con un‘ottima qualità d’esecuzione.
Marchi come Dolce&Gabbana, Versace, Prada, MaxMara, Moschino, TwinSet e molti altri fanno produrre i loro capi in Bulgaria in conto lavorazione ormai da diversi anni, mentre altre aziende hanno direttamente investito in fabbriche proprie come Calzedonia, Miroglio nel tessile, e relativamente più di recente il Gruppo Peuterey.  

Nel 2012 il gruppo italiano Peuterey, leader intrernazionale nelle giacche in piuma d’oca, contatta Alias Group per essere accompagnata ed assistita nel progetto di internazionalizzazione che prevede l’acquisizione di un sito produttivo proprio in Bulgaria per poter meglio garantire alcune produzioni speciali per i propri clienti difficili da gestire presso i terzisti di cui si era sempre avvalsa per le realizzazione dei capi di propria creazione.
Dopo attente ricerche e valutazioni tecniche, viene individuata così una fabbrica nel nord della Bulgaria, e precisamente a Vratza, che operava da oltre 15 anni con elevata specializzazione nella produzione di giacconi in piuma d’oca, giacche nastrate e capi tecnici. Questo laboratorio aveva già lavorato in passato per marchi prestigiosi quali Prada e Dainese, e la stessa Peuterey ne era stata cliente. Quindi la conoscenza della qualità produttiva e dell’organizzazione operativa esistente hanno fatto sì che l’acquisizione avvenisse senza troppe difficoltà iniziali.

Dal 2012 ad oggi l‘azienda ha avuto diverse riorganizzazioni, aggiustamenti e riassetti. Ad esempio nel 2018 viene abbandonata una struttura in affito, preferendo investire in un capannone di proprietà. Successivamente sono stati acquisiti speciali macchinari aggiornati alla tecnologia più recente. La società si è poi dotata della certificazione ISO 9001 e dell’autorizzazione alla produzione di capi nastrati speciali (solo 3 in tutta la Bulgaria hanno tale certificazione).
Con il tempo ha accresciuto la propria specializzazione e capacità tecnica fino ad arrivare a produrre capi che difficilmente possono essere realizzabili in Cina o nei paesi a basso costo della manodopera per la specificità e la difficoltà dei passaggi tecnici richiesti. Questo fa della Bulgaria e della società Cymbidium quasi un UNICUM nei Balcani per la produzione di questa tipologia particolare di capi.

La difficoltà maggiore che da sempre ha riscontrato l’azienda resta la stagionalità dei capi prodotti, che hanno una copertura che di media non supera i 6/7 mesi della produzione annuale. Pertanto negli anni insieme all’azienda abbiamo cercato di trovare soluzioni per coprire i mesi di più scarsa operatività, inserendo capi estivi (giacche leggere, impermeabili, ecc.), nonché producendo per gli outlet del gruppo, in modo da riuscire via via a coprire quasi il 100% della produzione.

Oggi la fabbrica, oltre ai capi al marchio Peuterey, ha inserito nel suo portafoglio altri clienti quali Moncler, Colmar, Burberry’s, Paul&Shark, Armani, tutti brand leader nel loro settore, il che fa di Cymbidium a sua volta un leader tra i produttori di questo particolare tipo di abbigliamento. Questo, unito alla velocità di consegne della merce (rispetto a Cina, Armenia, India, ecc.) che dalla Bulgaria all’Italia in 24 h è a destinazione, consente ai brand citati una politica commerciale più dinamica, reattiva e quindi efficace e vincente.

La tendenza costante riscontrata negli ultimi anni è l’avvicinamento delle produzioni fatte fin qui in Paesi lontani che, seppur offrono ancora costi di proudzione inferiori rispetto all’Est Europa, di contro pagano lo scotto di avere lunghi tempi di spedizione, di richiedere spesso anticipi finanziari importanti e quantitativi enormi per giustificare il trasporto. La produzione in Bulgaria consente invece di poter produrre quasi a livello sartoriale, con la possibilità di consegnare anche solo 100 o 200 capi con un furgone in Italia ai clienti che hanno un‘emergenza particolare, cosa assolutamente impensabile dai Paesi d’oltreoceano.

Alias Group è sempre al vostro fianco.

Leggi un’altra storia di successo nel nostro blog: vi presentiamo Q-AID Europe.

Vi presentiamo Q-AID Europe

Alias Group fra gli altri servizi vi mette a disposizione le proprie competenze per ricoprire ruoli aziendali di amministratore, responsabile finanziario, consigliere.
Vi presentiamo di seguito uno dei tanti casi di successo del nostro portafoglio clienti: Q-AID Europe eood, partecipata del gruppo italiano leader nel settore di certificazione, ispezione e formazione Q-Aid Holding.
Per Q-AID Europe eood, dopo quasi 10 anni di attività professionale a Mosca nel campo della consulenza all’impresa e di quasi 20 anni a Sofia, Pamela Della Toffola da ottobre 2020 ricopre il ruolo di CEO nel quadro della collaborazione con Alias Group.

Ecco una breve intervista-presentazione della loro iniziativa imprenditoriale.

Ci racconti brevemente come è nata Q-AID e quali sono le principali linee-guida che ne ispirano l’attività?
L’organismo di certificazione e ispezione Q-AID è nato nel 2009, a Brescia, e in breve tempo ha progressivamente ampliato il proprio perimetro di azione, a livello locale e poi nazionale, per diventare il punto di riferimento di un network internazionale, pur rimanendo sempre coerente ai suoi principi: essere un partner affidabile nei servizi di valore aggiunto per supportare le aziende a migliorare le prestazioni e prevenire i rischi, grazie a una efficace gestione dei sistemi e dei processi in tutti i settori strategici per le imprese.
Il Gruppo supporta aziende e professionisti fornendo servizi di certificazione di sistemi di gestione, di prodotto e delle competenze, effettuando ispezioni e assicurando formazione professionale nei diversi ambiti di riferimento che rientrano all’interno delle sue sei Divisioni: Green, Building, Quality, Compliance, Safety e Industry.
Q-AID opera in conformità alle norme Internazionali per gli Organismi di Certificazione e alle Linee Guida IAF – International Accreditation Forum, garantendo un’assistenza continuativa di alto profilo tecnico, sempre aggiornata sul fronte delle novità della normativa vigente, ma offrendo anche una serie di certificazioni, attestazioni di conformità e servizi GREEN orientati alla tutela e alla promozione di buone pratiche in ambito di sostenibilità ambientale ed efficienza energetica.
Il Gruppo è attualmente costituito dalla società madre Q-AID Holding Srl e dalle società operative Q-AID Assessment & Certification Srl, Q-AID Inspection Srl, Q-AID Academy & Management Srl e Q-AID Europe Srlu.

Soffermiamoci proprio su Q-AID Europe, società per la quale lei ricopre il ruolo di CEO, che ha sede a Sofia.
Si tratta del nostro primo passo di espansione del gruppo verso nuovi territori fuori dall’Italia, che inizialmente pensavamo di muovere ottenendo delle licenze e partendo quindi da zero, ma poi nell’ottobre 2020 abbiamo privilegiato la possibilità dell’acquisizione di un Ente già esistente, che si occupasse di accreditamenti complementari a quelli già presenti nel portfolio della società italiana.
Abbiamo così introdotto un sostanziale cambio di management e di approccio al mercato, acquisendo nel contempo nuove professionalità altamente qualificate che ci hanno permesso di essere perfettamente allineati con la politica e la strategia del Gruppo: sempre aperto verso nuove quote di mercato e con un occhio rivolto verso gli altri Paesi dei Balcani, dove stiamo facendo la stessa ricerca e valutando un’operazione simile in Serbia e Macedonia del Nord. Nazioni in cui siamo tra l’altro già rappresentati da ABC – Alias Balcan Company, realtà di cui Q-Aid è socio-fondatore e che nasce dall’unione di tre società ad alta professionalità specializzate in diversi ambiti: un ente di certificazione, un centro di ricerca e trasferimento tecnologico, una società di servizi amministrativi, contabili e societari.

Quali sono i principali punti di forza delle attività che fanno capo a Q-AID Europe?
Abbiamo creato un team di auditor e di responsabili degli accreditamenti di lunga esperienza, che hanno sviluppato la propria carriera all’interno di prestigiosi enti di accreditamento internazionali; siamo per vocazione orientati verso un pubblico di aziende italiane, ma sempre aperti a tutte le realtà che necessitano di servizi di certificazione e accreditamento ad alto valore aggiunto.
I nostri punti di forza consistono nell’offerta di alcune tra le principali Certificazioni Sistemi di Gestione, tutte peraltro perfettamente in linea con gli accreditamenti regolati dal BAS – Bulgarian Accreditation Service: ci riferiamo in particolare ai Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001, ai Sistemi di Gestione Ambientale ISO 14001, ai Sistemi di Gestione Sicurezza Informazioni ISO IEC 27001 e ai Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sul Lavoro ISO 45001, tutti servizi che contribuiscono a implementare l’efficacia dei processi, migliorando nel contempo l’affidabilità, i risultati economici e la competitività delle aziende.

Possiamo parlare di un modello “Made in Italy” anche nel mondo dei sistemi di certificazione e di ispezione?
I cardini della nostra offerta risentono sicuramente dell’influsso benefico della nostra “italianità”; il nostro approccio è infatti caratterizzato da un’estrema flessibilità e dalla capacità di customizzare i nostri servizi, adattandoli per assecondare le esigenze e le richieste del cliente, sia qui che nel nostro Paese di origine.
Proprio su tali caratteristiche è stato forgiato il nostro staff di auditor e, a maggior garanzia di questo, tutto il nostro personale è multi-lingue, parla inglese, italiano, russo, bulgaro ovviamente, e all’esigenza viene comunque affiancato da interpreti; la possibilità di realizzare audit in remoto rappresenta poi inoltre un’ulteriore garanzia di flessibilità.

Quali sono i rapporti di interscambio tra Italia, Bulgaria e, più in generale, a livello internazionale?
Abbiamo stipulato accordi per offrire gli stessi servizi in Italia e in Europa, quindi non solo legati al territorio bulgaro; si tratta di servizi integrati di certificazione estremamente completi e rispondenti alle disposizioni internazionali stabilite dallo IAF – International Accreditation Forum, che ci permettono appunto di offrire accreditamenti integrati con quelli del Gruppo e a tariffe assolutamente competitive. 
Attraverso Q-Aid Academy & Management – Società di servizi del Gruppo orientata verso la formazione finanziata e professionale – abbiamo avuto modo di approfondire la conoscenza “geografica” dei nostri clienti, partendo dall’Italia per poter espandere la nostra territorialità verso altri Paesi europei.
Non appena siamo partiti abbiamo anche deciso subito di associarci alla Camera di Commercio Italiana in Bulgaria e a Confindustria, associazioni che raggruppano tutta l’imprenditoria italiana attiva in Bulgaria, nonché le aziende bulgare legate al nostro Paese da interessi economici. 
Evidentemente consideriamo l’Associazionismo un importante fattore di interesse e di crescita per tutte le aziende, perché crediamo molto alle sinergie che si possono creare all’interno sia della Camera che di Confindustria, ma anche grazie allo scambio di esperienze e conoscenze promosso dall’interassociazionismo.

Leggi un’altra storia di successo nel nostro blog: vi presentiamo Cymbidium.